Cos’è la teoria di Dow?


Teoria di Dow

Teoria di Dow

Al giorno d’oggi, un analista tecnico può utilizzare diversi strumenti come diagrammi e grafici per analizzare il mercato. Il suo processo di pensiero e quello decisionale si basano su diverse teorie che sono state sviluppate nel corso degli anni.

Quando si parla di analisi tecnica, le basi di questo ramo degli investimenti azionari possono essere ricondotte a Charles Dow e ai suoi scritti.

Teoria di Dow: una breve storia

La “Teoria di Dow” fu introdotta per la prima volta da Charles Dow, che fu il fondatore della “Dow Jones and Company” e il primo editore del Wall Street Journal. Questa teoria si basa sui numerosi editoriali che aveva scritto tra il 1900-1902. Dopo la sua morte, William Hamilton ha continuato il lavoro.

Nel 1932, gli scritti di questi due uomini furono pubblicati collettivamente come Teoria di Dow da Robert Rhea.

Cos’è la teoria di Dow?

La teoria spiega come gli investitori possono utilizzare il mercato azionario per comprendere la salute dell’ambiente aziendale. È stata la prima a spiegare che il mercato si muove nelle tendenze. E mentre negli anni sono cambiate molte cose nei mercati azionari, i principi di base della teoria di Dow sono ancora importanti. Sono sei i principi della Teoria di Dow:

  • Il mercato sconta tutte le novità. Questo principio spiega che qualsiasi informazione disponibile sul mercato si riflette già nel prezzo di azioni e indici. Ciò include tutti i dati come annunci sugli utili delle aziende, aumento (o calo) dell’inflazione o persino sentimenti degli investitori. Di conseguenza, è meglio analizzare i movimenti dei prezzi invece di studiare le relazioni sugli utili o i bilanci delle società.
  • Il mercato ha tre tendenze. Questa teoria è stata la prima a suggerire che il mercato si muove nelle tendenze. Le tendenze sono:
  1. Principali: indicano come il mercato si muove a lungo termine.
  2. Secondarie: sono considerate correzioni a una tendenza primaria. Ad esempio, se la tendenza primaria è al rialzo (rialzista), la tendenza secondaria è al ribasso. Queste tendenze potrebbero durare da qualche settimana a qualche mese.
  3. Minori: sono le fluttuazioni del movimento del mercato su base giornaliera. Durano meno di tre settimane e vanno contro il movimento della tendenza secondaria.
  • Le tendenze hanno tre fasi. La teoria afferma che ci sono tre fasi per ogni tendenza primaria: fase di accumulazione, fase di partecipazione pubblica e fase di panico. L’inizio di una tendenza al rialzo (o al ribasso) primaria in un mercato rialzista (o ribassista) è nota come fase di accumulazione. Qui, i trader entrano nel mercato per acquistare (o vendere) azioni a fronte di opinioni di mercato comuni. Nella fase di partecipazione pubblica, un numero maggiore di investitori entra nel mercato man mano che le condizioni commerciali migliorano e diventano evidenti sentimenti positivi. Ciò si traduce in prezzi più alti (o più bassi) sul mercato. La fase di panico è caratterizzata da acquisti eccessivi da parte degli investitori. Ciò potrebbe provocare grandi speculazioni. In questa fase, è ideale per gli investitori prenotare i profitti e uscire.
  • Gli indici confermano l’un l’altro. Una tendenza nel mercato non può essere verificata da un singolo indice. Tutti gli indici dovrebbero riflettere la stessa opinione.
  • Le tendenze sono confermate dal volume. L’andamento del mercato dovrebbe essere supportato dai volumi degli scambi. Ad esempio, in una tendenza al rialzo, il volume aumenta con l’aumento del prezzo e diminuisce con la diminuzione del prezzo.
  • Le tendenze continuano fino a quando segnali definitivi indicano diversamente. La teoria afferma che le tendenze del mercato esistono nonostante il rumore nel mercato. Cioè, durante una tendenza al rialzo, è possibile un’inversione temporanea della tendenza, ma il mercato continua a muoversi verso l’alto.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi