Prestiti senza garanzie


I prestiti senza garanzia sono tutti quei prestiti che per essere concessi non hanno bisogno di garanzie reali, ovvero non hanno bisogno di un bene da sottoporre a pegno o ipoteca.

Bisogna fare attenzione a non confondere questo tipo di prestiti senza garanzia reale con i ben più rari prestiti senza busta paga e senza nessuna garanzia ufficiale e dimostrabile di rimborso del debito.

Infatti, quando si parla di prestiti senza garanzie richieste non ci si riferisce al fatto che questi prestiti vengono concessi a chiunque, senza un controllo sulla finanziabilità e sulla reale capacità di onorare il debito, anzi tutt’altro: la banca o la finanziaria chiederà dei documenti per verificare che il cliente abbia la possibilità di pagare con regolarità le rate mensili.

Solitamente la banca o la finanziaria che concede il prestito chiede come prova della capacità di produrre reddito la presentazione dell’ultima busta paga oltre a fare un controllo in centrale rischi per verificare che il cliente sia affidabile ovvero che non abbia avuto protesti e che abbia rimborsato regolarmente tutti i finanziamenti che gli sono stati concessi in precedenza.

In pratica, rientrano sotto questa categoria quasi tutti i prestiti personali finalizzati e anche quelli non finalizzati che vengono distribuiti in Italia.

Infatti, quando si ottiene un prestito personale, ad esempio per un’automobile o per una moto, non viene costituita nessuna ipoteca e la banca o la finanziaria non ha nessun diritto reale su quel bene, come invece avviene con i mutui per l’acquisto della casa su cui l’istituto erogante iscrive un’ipoteca.

Ancora diverso è il caso dei prestiti con cessione del quinto. In questo caso il beneficiario del prestito non è tenuto a presentare garanzie reali ma nello stesso tempo l’ente erogante è tutelato e garantito proprio dalla cessione di un quinto dello stipendio che viene prelevato mensilmente come rata direttamente in busta paga e dal TFR che costituisce una forma di garanzia per la banca contro il rischio di perdita del lavoro, il rischio di infortunio o vita del lavoratore che deve rimborsare il prestito.

Ovviamente, anche con i prestiti senza garanzia richiesta le finanziarie che concedono il denaro in prestito maturano un diritto di rivalsa sul beneficiario del prestito che dovesse rivelarsi insolvente.

Nel caso in cui si presentasse una situazione di difficoltà tale da non consentire più il regolare pagamento delle rate mensili, a carico della persona insolvente, verranno attivate tutte le normali procedure di recupero del credito. Dalla segnalazione in centrale rischi alla partenza delle procedure di pignoramento dei beni per mano dell’autorità giudiziaria.


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi