Tre ragioni per assumersi più rischi quando si investe nel mercato azionario


obbligazioni

L’ideologia “no-pain no-gain” è in circolazione da secoli. Non sorprende che gli investitori e gli operatori di borsa abbiano fatto questa frase propria. Investire ha la sua parte di dolore, ma essere furbi nella scelta delle azioni al momento giusto può offrire un bel po’ di guadagno.

Questo ci porta alla domanda successiva: vale veramente la pena investire? In qualsiasi mercato azionario esiste una forte relazione tra rischio e rendimento, ma sapere esattamente quale rischio assumersi dipende dalle informazioni, dalle analisi, dalle previsioni e dalle tendenze del mercato.

Per spiegare la relazione tra rischio e profitto, è necessario considerare che il rischio più alto riduce anche la probabilità di godere di un margine di profitto più elevato.

Pronti a correre più rischi in borsa?

Quasi sempre si finisce per associare il rischio alla perdita di denaro. Bene, negli investimenti in borsa, c’è sempre la possibilità di una perdita. Tuttavia, non tutti i rischi devono essere valutati in termini di profitti e perdite. Ci sono altri fattori che bisogna considerare:

  • Qual è la priorità soggettiva?
  • Assumere meno rischi permetterà all’investitore di raggiungere l’obiettivo di investimento? Finirà per guadagnare meno di quanto aveva stimato alla fine del periodo stabilito?
  • È pronto ad assumersi più rischi per ottenere rendimenti più elevati? Sarà in grado di gestire l’ansia e l’incertezza?

Tre (buone) ragioni per assumersi più rischi

Un investitore giovane corre più rischi. È vero che quando si inizia ad investire da giovani si ha poi più tempo per raggiungere gli obiettivi prefissati. Di conseguenza, i giovani investitori hanno maggiori probabilità di correre rischi e optare per azioni potenzialmente ad alto rendimento. Le persone più grandi, che hanno solo pochi anni davanti prima di andare in pensione, la pressione per raggiungere l’obiettivo di investimento è significativamente più elevata. Pertanto, hanno meno probabilità di correre rischi.

Gli investitori a lungo termine possono assumersi più rischi. Quando si investi in giovane età, si può optare per opzioni di investimento a lungo termine. Se un investitore segue la performance di qualsiasi azione della società, noterà un grande grado di fluttuazione per un breve periodo (un mese o due mesi). Quando poi vedrà la performance delle stesse azioni per oltre 3 o 4 anni, assisterà a un costante aumento della valutazione.

Ciò conferma ulteriormente la convinzione che gli investitori a lungo termine siano quasi immuni agli investimenti ad alto rischio.

Politiche di investimento aggressive rendono migliori portafogli. I portafogli aggressivi di solito massimizzano i rendimenti del mercato. L’aggressività dipende da una serie di fattori, come dalla distribuzione del denaro dell’investitore tra classi di attivi ad alto rischio e ad alto rendimento. Questi di solito includono sia materie prime che azioni. Investire più denaro nelle azioni a bassa capitalizzazione è più rischioso che investire solo in azioni blue-chip, sebbene entrambe siano forme di capitale.

Esistono diversi modi per espandere il portafoglio aggiungendo componenti azionari e tipi di materie prime. Un portafoglio diversificato e più aggressivo potrebbe comportare rischi più elevati, ma anche attrarre rendimenti migliori.


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi