ESTR, il nuovo indice di riferimento che sostituisce EONIA


BCE

Il 2 ottobre 2019, la Banca centrale europea (BCE) ha pubblicato il primo Euro short-term rate (ESTR). Calcolato sulla base delle transazioni effettuate il 1 ° ottobre, l’indice era allo -0,549% (codice ISIN: EUOOOA2X2A25).

L’adozione di questo nuovo tasso di riferimento è nata da un’intesa da parte dei regolatori finanziari che ritenevano necessario riformare il calcolo degli indici utilizzati come riferimento per il mercato interbancario della zona euro. EONIA è stato il primo indice ad essere riformato. Attualmente sono ancora in corso le riflessioni per riformare altri tassi di riferimento, in particolare l’EURIBOR.

Uno sguardo al rimpiazzo di EONIA

Il 13 settembre 2018, la BCE annunciò che il nuovo indice ESTR era stato selezionato dal gruppo di lavoro pubblico-privato sui tassi di interesse di riferimento per succedere all’EONIA. Entrerà in vigore il 3 gennaio 2022.

Il tasso ESTER si basa su transazioni effettive ponderate per volume, cosa che rende oggettivamente difficile qualsiasi tipo di manipolazione. Questa nuova aliquota è gestita dalla BCE e si basa sulla trasmissione giornaliera di dati dai rapporti bancari ai sensi del regolamento MMSR (Money Market Statistical Reporting).

Metodo di calcolo dell’ESTR

L’ESTR è calcolato sulla base dei prestiti interbancari non garantiti che vengono stipulati su base giornaliera tra istituti. Il processo è il seguente:

  • Ogni giorno la BCE raccoglie informazioni sui prestiti di 52 istituzioni nell’area EURO. Vengono registrate solo le transazioni superiori a un milione di euro.
  • Queste transazioni sono quindi classificate aumentando il tasso di interesse. Le transazioni con lo stesso tasso di interesse vengono aggregate.
  • Il 25% delle transazioni con i tassi di interesse più bassi e il 25% con i tassi di interesse più alti vengono rimossi dal pool di calcolo.
  • La BCE mantiene quindi solo il restante 50% per calcolare una media ponderata per volume. Da questo calcolo, la BCE stabilisce l’ESTR.

Un’attuazione progressiva

Le tariffe ESTR ed EONIA coesisteranno nel periodo che va dall’1 ottobre 2019 al 3 gennaio 2022; dopo tale data, ESTR verrà definitivamente adottato.

Durante questa convivenza, e al fine di consentire ai mercati e agli operatori di adattarsi, la BCE ha deciso di correlare l’EONIA con l’ESTR e proporre così una “nuova EONIA”. Infatti, dal 1° ottobre del 2019, la nuova EONIA si basa su ESTR ed è calcolata come: “EONIA = ESTR + spread”.

Un altro impatto dell’adozione di ESTR è la modifica del programma di pubblicazione. Poiché il nuovo indice è pubblicato su “D + 1”, il nuovo EONIA sarà noto solo su “D + 1”.


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi