Obbligazioni al portatore e nominative: facciamo chiarezza!


obbligazioni

Se si desidera raccogliere i frutti di un reddito regolare sotto forma di pagamenti di interessi obbligazionari, potrebbe essere necessario conoscere la differenza tra obbligazioni al portatore e obbligazioni nominative.

Le obbligazioni al portatore sono dovute a chi le detiene, che può cambiare frequentemente se l’obbligazione è venduta o negoziata. Le obbligazioni nominative appartengono al proprietario del record. Quando un’obbligazione nominativa viene venduta o scambiata, le registrazioni di proprietà vengono modificate per indicarne il trasferimento.

Certificati cartacei

Le obbligazioni nominative raramente vengono emesse in certificati cartacei. Invece, una persona o un’agenzia che gestisce i registri di proprietà e fornisce servizi di trasferimento, utilizza i registri informatizzati per stabilire la proprietà. Un titolo al portatore, d’altra parte, è emesso sotto forma di un certificato fisico che è uno strumento negoziabile, il che significa che può essere rapidamente convertito in denaro.

Pertanto, un’obbligazione al portatore in forma di certificato cartaceo deve essere protetta contro il furto o la perdita in quanto nessuna registrazione di proprietà legittima segue lo scambio dell’obbligazione.

Interessi

Le obbligazioni al portatore funzionano in modo simile al contante in quanto il detentore attuale può presentare un coupon all’emittente per ricevere i guadagni quando dovuti. Il proprietario può vendere o scambiare il legame con un altro investitore, che a sua volta può presentare un coupon quando i pagamenti degli interessi successivi sono dovuti e quindi ricevere dei guadagni

I proprietari di obbligazioni nominative normalmente non devono presentare una richiesta di pagamento degli interessi. Invece, l’emittente delle obbligazioni conosce l’identità dell’obbligazionista e successivamente emetterà un pagamento di interessi al proprietario registrato dal record alla data di scadenza dell’interesse.

Sostituzione di obbligazioni perse o rubate

L’emittente non può sostituire le obbligazioni al portatore se vengono perse o rubate perché non esistono documenti definitivi che riportano l’identità del proprietario. Le obbligazioni nominative, d’altra parte, possono spesso essere sostituite se il certificato viene perso o rubato perché l’emittente può verificare l’identità del proprietario del certificato.

In alcuni casi, un titolo al portatore può essere convertito in un’obbligazione nominativa, dando al proprietario più diritti quando i pagamenti degli interessi sono dovuti e quando l’obbligazione matura.

Un promemoria

Alcuni paesi emettono ancora titoli al portatore. Sebbene un cittadino possa acquistare questo tipo di sicurezza, deve ricordare che le leggi fiscali vigenti in uno specifico paese si applicano ancora al momento del deposito dell’imposta sul reddito. Come con qualsiasi investimento, è importante verificare con un pianificatore finanziario certificato se non si è sicuri che questo tipo di investimento si adatti al proprio portafoglio.


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi