Anche Whatsapp coinvolto nel fenomeno delle truffe online


whatsapp

Le truffe online sono diventate come i virus: dopo l’ondata di rimedi che ne hanno sancito la momentanea fine, hanno la capacità di rinnovarsi ed essere più forti di prima. Molti ignari utenti continuano ad essere colpiti e le loro risorse finanziarie spariscono senza lasciare più traccia.

Motivo di nuova diffusa paura, che mette a rischio nuovamente i conti correnti dei cittadini italiani, è questa volta Whatsapp. Non bastavano email e messaggi-truffa: ora anche il famosissimo instant messenger è stato coinvolto nello scempio dei risparmi. Le banche questa volta entrate in questo gioco al massacro sono Intesa San Paolo e Unicredit.

Ma i pericoli restano e continuano ad arrivare da più parti, non solo da Whatsapp. Quella più formale ed utilizzata, nonché la più efficace, è la truffa perpetrata tramite email. La più diffusa continua ad essere quella che coinvolge i correntisti BancoPosta. Bisogna tenere d’occhio anche gli SMS. Le preoccupazioni maggiori che nascono da queste truffe sono contenuto e scopo delle missive. Quando ci vanno di mezzo i risparmi dei cittadini non è mai cosa da trascurare. Molti utenti continuano a segnalare varie tipologie di messaggi truffa; il più comune riguarda la revisione dei termini contrattuali con il proprio istituto di credito.

Sono tante le banche coinvolte, insieme a Poste italiane; ma ultimamente quelli presi particolarmente di mira sono i correntisti di Intesa San Paolo ed Unicredit. La truffa è molto comune e si è già vista in passato: il messaggio ricevuto chiede all’utente in questione che il proprio conto è stato bloccato e che per riattivarlo è necessario comunicare i propri dati sensibili per attivare una proceduta di verifica approfondita. L’unica differenza in questo contesto è la ricezione di link, connessi a questi messaggi di testo, su Whatsapp e via SMS, nonché di veri e propri allegati sulla propria email.

Quali sono i rischi connessi a questi allegati? Semplice: sono delle infezioni da malware in grado di compromettere il funzionamento del computer; quindi, evitare assolutamente di scaricarli o solamente aprirli.

All’inizio parlavamo di Whatsapp. Qual è il rischio insito in esso? I link correlati non sono altro che pagine clone di veri home banking. Naturalmente, hanno delle imperfezioni che è necessario conoscere. La prima cosa da fare è controllare l’indirizzo del sito; nel momento della navigazione, stare attenti alla URL della pagina: se le operazioni riguardano l’home banking, controllare se a fianco al lucchetto ci sia scritto “sicuro”.

Ultimo ma non meno importante, il consiglio di diffidare assolutamente da questi messaggi; qualsiasi banca non chiede mai di inviare dati sensibili tramite email, SMS e quant’altro. Un messaggio del genere equivale sempre ad una truffa in agguato.


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi