Come rendere il mobile banking quanto più sicuro


mobile banking

Il mobile banking continua ad essere popolare tra i consumatori come un modo semplice per effettuare transazioni finanziarie, ed i criminali naturalmente ne approfittano. La metà dei consumatori dispone di uno smartphone e circa la metà di questi utilizza il mobile banking, con il rischio insisto del furto delle informazioni.

Gli esperti sulla sicurezza asseriscono che il mobile banking è sicuro quanto quello sul pc in quanto gli sviluppatori delle app hanno capito come rendere sicure le applicazioni. Tuttavia, ci sono dei rischi, e se gli utenti non stanno attenti, rischiano di consegnare nelle mani dei truffatori le loro informazioni personali e i risparmi faticosamente messi da parte.

Il software antivirus è il modo migliore per proteggere un PC, ma non è una difesa efficace per i telefoni cellulari. Invece, gli esperti sulla sicurezza dicono che gli utenti devono essere selettivi quando conducono il loro servizio di mobile banking.

L’accesso a un sito Web bancario su un Wi-Fi pubblico come un bar, un hotel o un aeroporto è un rischio per la sicurezza poiché la rete è vulnerabile a chiunque monitora l’hot spot per intercettare i dati trasferiti alla banca; è molto più difficile, invece, per i truffatori impossessarsi delle informazioni sulla rete del proprio gestore telefonico o attraverso un hot spot attendibile.

L’utilizzo dell’app di una banca aiuterà anche a proteggere i dati finanziari. La metà dei clienti di mobile banking utilizza ancora i browser mobili per accedere alla banca ma è qualcosa che è sconsigliato da molti, in quanto il browser mobile è meno sicuro di un’app ben strutturata. I consumatori dovrebbero scaricare le app bancarie direttamente dal sito Web delle banche. Spesso i criminali creano app fac-simile per indurre gli utenti a divulgare login e password.

Uno delle modalità più comuni per mezzo del quale i consumatori cadono vittime di frodi nel settore del mobile banking è quando il loro telefono viene perso o rubato e gli scammer hanno accesso a tutte le loro informazioni memorizzate sul dispositivo.

Per aiutare a criptare le informazioni compromesse in caso di smarrimento del telefono, bisogna evitare gli accessi automatici e richiedere sempre una password. Anche se non si salvano le informazioni di accesso quando si è terminata una sessione, è necessario sempre disconnettersi, onde evitare l’esposizione ai rischi.

Inoltre, agli utenti viene consigliato di ispezionare periodicamente i propri dispositivi per assicurarsi che non abbiano installato un’app difettosa o che il loro telefono non stia inviando messaggi di testo non sollecitati.


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi